giovedì 21 maggio 2015

Isacco Nuvoloni – Flying Dutchman (L’olandese volante)

Ho un cuore nero nero in petto
Duro come il legno del mio letto.
Non mi serve affatto per amare
È ingannevole e meschino come il mare.
Triste e buio come la stiva della nave,
Quasi mai placido e nemmen soave.

A volte è molto distruttivo e vile
Capirai! Io non abito su un mercantile
Ma in una nave di luridi pirati:
Folli, sporchi, rozzi e scellerati.
Conosco bene i porti e le città.
Un po’ meno il perdono e la pietà.

E ho sparse sulla terra e sull’oceano
Donne color del latte e color dell’ebano.
Mi condanni duramente, sciocca che tu sei!
Io non temo legge né di uomini né di dei.
Il tribunale son per me le acque menzognere.
Perdonami, mia bella. Sono solo un bucaniere!

2 commenti:

  1. niente male, bucaniere! Ma ogni testa dura trova il suo scoglio...

    RispondiElimina