mercoledì 3 giugno 2015

Francesco Cellie - Ancestramante

Riscoprirmi per stupirmi di ciò che il passato si sarà
come cumulo di nembi alla polla tornerà,
perfezione di un dipinto che Celeste reimpastò,
una costola per seme di miracolo zuppa sia,
veloce è la lentezza che sfiorisce ed appassisce
serve a volte grand'incendio al verde nutrimento.

Il dolor delizia sol all'inizio è gran tormento
con martello si scolpisce piccol fiore da donar
e la piuma di un amore che montagna spianerà
io ti dono un'emozione per il costo di un amore.

Prendo solo se ti resta una campanella...

Osservar dall'altro lato che si rompa il tuo silenzio,
all'appello fui la zeta e la mia ombra corre già
basta il sole che mi scalda che l'esempio seguirò,
non ho nulla da inventare solo codici da notar
taluni pesci controcorrer anche alla sorgente....

Dislivelli per ciclopi son dolci le discese all'occhi e allocchi di un amore
m'incateno allora all'acqua scendo i fiumi fra i miei fiordi
sempre schiavi dei ricordi che dimenticato ho già,

salvi ancor da quel massacro che intorbidiva il sacro

ovunque egli vada ogni volta approderà
padron delle sue scelte ma non della sua vita
perché dono rifarà.

Alla fine ebbi solo una compagna
che a me fedele si legò dal primo mio vagito ti ho sempre ripudiato
e mai ti ho cercato ma l'ultimo mio vero bacio
dopo aver altri amato a te io donerò.

Ma il mio vanto sopraffino è che non ti ho mai tradito
ma sarai fiera di me che seppur esule son tornato
molto ad altri avrò donato,
all'appello dell'amore siine certa risponderò
è scritto, doveroso, forse doloroso ma l'amor m'appellerà.

40 gradi di gelide fiammine spente da solite slealtà al 3 riunite in sola verità.

Ma vendetta li ha negati e non vi è soldo che li appaghi e di chieder hai pudore
e più egli ti confessa più ad erger manifesta rabbia d'aver già altra conquista.

Ed egli oscura l'orizzonte con la furia consapevole di Davide,
e nel fumo si allontana e ritorna la sirena che il suo riscatto chiede ed inerme che l'osserva,
ma egli non prova placato ancor una volta ha il suo segreto e nessuno mai lo scalfirà,
cala ancor l'ultima coltre e piombo in cuor è l'albo di ieri ha corso ancor
antimeridian ma è fiero di lei e di me e di ciò che non saprò.

Come antico samurai ebbi e t'ebbi in dono dall'inizio e tu ultima sarai.

49 commenti:

  1. Grazie del vostro commento. :)

    RispondiElimina
  2. Complimenti! È un piacere leggere le tue poesie

    RispondiElimina
  3. Molto bella! Bravo Francesco!

    RispondiElimina
  4. profuma di epico...molto profonda...complimenti

    RispondiElimina
  5. non conosco il tema ma deve essere qualcosa che ti ha preso al cuore.

    RispondiElimina
  6. Piena di musicalità.

    RispondiElimina
  7. Bravo Francesco! Una piacevole lettura

    RispondiElimina
  8. Bè, ti conosco da una vita, e devo dire che, riesci ancora a sorprendermi. Bravo, bella composizione Francè!!!

    RispondiElimina
  9. Profonda e intensa. Tantissimi complimenti

    RispondiElimina
  10. bellissima Francesco!!!! un'animo davvero molto poetico! un abbraccio

    RispondiElimina
  11. "mi incateno allora all'acqua"
    "il dolor delizia"
    "all'appello fui la zeta e la mia ombra corre già"

    Francesco Cellie, lirico virtuoso del paradosso
    una rapsodia di parole e di sensazioni

    sono in piedi e sto applaudendo, davvero

    RispondiElimina
  12. Lieve e tagliente è il guerriero che c'è in te, la tua arma è la tua penna e tu sai come usarla.
    Complimenti, davvero stupenda!

    RispondiElimina
  13. Rileggo in poche righe i valori e i sentimenti che ti appartengono .... Bella davvero

    RispondiElimina
  14. RINGRAZIO TUTTI VOI CHE MI AVETE DELIZIATO DI UN VOSTRO COMMENTO

    RispondiElimina
  15. un poeta, un guerriero e un'anima che racchiude entrambi.... grande!

    RispondiElimina
  16. La poesia mi era sfuggita ma mia sorella attenta, mi ha invitato a leggerla.....
    Francesco, guerriero di spada e sciabola....... ma anche di fioretto.

    RispondiElimina
  17. Un poeta che richiama tempi antichi e valori perduti, anima di un cavaliere come non ne esistono più, tra sentimenti e prodezze liriche si intravede un cuore temerario e combattente, fiero delle sue ferite e cosciente del suo valore. Bella.

    RispondiElimina
  18. "Come antico samurai ebbi e t'ebbi in dono dall'inizio e tu ultima sarai. "
    In questa frase mi ritrovo in pieno , ed è quello che dico ai miei amori .
    Grazie Francesco .

    RispondiElimina
  19. Complimenti vivissimi!!! Solo chi ha un animo nobile può scrivere così... e ormai è una caratteristica difficile da trovare... Continua a scrivere e racconta tramite i versi la tua realtà...

    RispondiElimina
  20. Il grande papà guerriero è anche un buon poeta. Sono orgoglioso di essere tuo amico. Un saluto fraterno. Pino.F.

    RispondiElimina
  21. Molto bella, ed ora che ho la chiave, ancor più bella ;)

    RispondiElimina
  22. un canto all'amore... un canto al dolore che fa amare ancora di più... "....serve a volte grand'incendio al verde nutrimento." Ci sono delle mie interpretazioni su alcuni punto e nn so se corrispondono a quello che volevi descrivere tu.... ma qst è il bello della poesia che divento lo specchio delle sensazioni del lettore no del poeta... davvero bella e fa pensare :)

    RispondiElimina
  23. Grande passionalità ! Stupende vibrazioni!
    Antonella ... Pantera

    RispondiElimina
  24. Molto bella :) affascinante la musicalità da antica ballata...

    RispondiElimina
  25. Molto intensa, davvero bella... Bravo Francesco! La Vikinga ;-)

    RispondiElimina
  26. Complimenti Frà Cionfoli, solo chi dispone di tanto amore riesce a parlare col cuore e dei suoi umori.

    RispondiElimina
  27. Bellissima! Traspare la tua nobiltà d animo e l amore puro del tuo cuore...complimenti e grazie per avermi dato la possibilità di leggerla :)

    RispondiElimina
  28. La sofferenza fa crescere.. e a volte tira fuori la poesia che è negli spiriti nobili . Bel lavoro !!!! Bella davvero

    RispondiElimina
  29. GRAZIE A TUTTI DI CUORE PER IL VOSTRO APPREZZAMENTO E SOSTEGNO. Ognun di voi ha galvanizzato il mio pavido fiorir, grazie a chi conosco ma maggior GRAZIE a chi firma ha tralasciato perche' e' signal d'empatico pensar.

    RispondiElimina
  30. Bella, rispecchia il tuo animo.
    Antonino

    RispondiElimina
  31. Dal vigore, si capisce che sei un guerriero...

    RispondiElimina
  32. complimenti bella e dolce

    RispondiElimina
  33. L'ho letta e riletta più volte. Stupenda

    RispondiElimina
  34. Caro Collega,
    Ella nobilita il mio stesso animo di poeta
    padre come lei sensibile e combattivo
    E risveglia la sensazione che in questi tempi
    ci siano persone di altri tempi

    Giuliano Caimmi

    RispondiElimina
  35. Sei sempre stato un grande e anche in questo Tuo lavoro lo dimostri....Bravo Frate'!!!

    RispondiElimina
  36. Caro Francesco complimenti per la poesia, molto profonda e ti dona un grande messaggio il Vero Amore per tutto cio' che viviamo nel cammino della ns. vita...Un caro Saluto Pace e Bene! Beatrice.

    RispondiElimina
  37. Complimenti per il bel componimento. Un uomo coerente con il suo cuore. Un guerriero epico. Bravo!
    https://www.facebook.com/nino.palumbo.54

    RispondiElimina
  38. Davvero bella e intensa, ricca di spunti di riflessione...complimenti vivissimi!

    RispondiElimina
  39. A beautiful poem, Francesco! You have expressed your feeling of love in a great way!

    RispondiElimina
  40. bella poesia! Mi fa ricordare la similitudine che il foscolo fa con la morte nella sua "Alla Sera": "E mentre guardo la tua pace dorme lo spirito guerrier che dentro mi rugge". Grande Franco.

    RispondiElimina
  41. Leggere una poesia di Francesco Cellie è come entrare in punta di piedi dentro il profondo della sua anima. Un'anima inquieta che parla ai nostri cuori. Una lettura dal sapore antico che diventa una lode alla vita, una lode alla speranza... Grande Franco, continua a stupire le nostre coscienze!

    RispondiElimina
  42. Davvero toccante e vera! Ho letto altri suoi versi, ma ogni volta è sempre un emozione nuova... Spero di leggere ancora dei suoi versi in futuro... Ha pensato mai di fare una raccolta e pubblicarla?

    RispondiElimina
  43. Davvero carina :)
    sopratutto alcuni versi.

    RispondiElimina
  44. e nel fumo si allontana... e ritorna la sirena... bellissimi i versi di Francesco che pur nella melanconia, a volte rabbiosa... a volte pacata a volte e rassegnata, lasciano intravvedere la rinascita ... la speranza...di un futuro migliore. .. auguri e bravo Francesco.
    Anna Colaci.

    RispondiElimina